L’importante è quello che provi mentre corri.

 

Il 4 luglio 2014 ci lasciava Giorgio Faletti, scrittore, attore,  cantante, paroliere, pittore. Ma chi era Giorgio Faletti? Quante anime si nascondevano dietro quei suoi imperscrutabili occhi azzurri?

 Sono un giocatore. Non sono mai immobile. Non mi ripeto. Investigo, corro, rischio, sperimento. Vorrei che la gente sapesse che in tutti questi anni non mi sono mai fermato.  Continuo a cercare strade nuove.

Tre atti e due tempi. Giorgio Faletti, 2011

Una laurea in giurisprudenza e poi l’esordio in televisione nel 1983 come cabarettista.

Nel 1985 conquista il pubblico di Drive in e il suo Vito Catuozzo  entra a far parte dei personaggi leggendari della storia della televisione.faletti1_640

Nel 1994 partecipa al Festival di Sanremo, si classifica al 2º posto e si aggiudica anche il Premio della critica con la canzone Signor tenente ispirata alle stragi di Capàci e di via D’Amelio.

La musica non tradisce. la musica è la meta del viaggio. La musica è il viaggio stesso.

 

Nel 2002 pubblica il suo primo libro Io uccido, un esordio da quattro milioni di copie.

Giorgio-Faletti-Io-uccido

Gli piaceva quel gioco, anche se aveva capito che non era tanto un gioco.

Fuori dai luoghi comuni, dalle facili etichette, la sua  vita artistica è contraddistinta da una grande versatilità che diventa un’arte tra le arti, in qualunque di essa si cimenti è un successo.

Nel 2006, con il film Notte prima degli esami ottiene la nomination al David di Donatello come migliore attore non protagonista.

nicolas-vaporidis-giorgio-faletti-kK0F--641x458@Gazzetta-Web_mediagallery-fullscreen

L’importante non è quello che trovi alla fine di una corsa… L’importante è quello che provi mentre corri.

Un artista poliedrico e talentuoso, questo certo non gli risparmia, anzi fomenta una parte della bieca critica che vorrebbe racchiuderlo in una categoria,  in un solo mestiere, perché non si può saper fare bene tutto. I suoi thriller diventano subito best seller

Io sono Dio è  il suo quinto romanzo, pubblicato nel 2009, nei ringraziamenti scrive : «Chi ha letto questo romanzo ha capito che non c’è nulla di autobiografico nel titolo. A chi non lo ha letto e pensa che ci sia, lascio intatta questa presunzione che mi onora». E in un’intervista dichiara : «Quando ho iniziato a dire in giro il titolo, che è una battuta di Robert De Niro in Men Of Honor, qualcuno ha commentato: “Ah, però, per nulla presuntuoso”. Tenendo presente che quando ho intitolato il mio primo libro Io uccido nessun poliziotto è venuto a cercarmi, non capisco perché questo abbia, invece, suscitato sospetti di onnipotenza.»

iosono dio

Lui mi guarda e ha la forza di non abbassare gli occhi. Io lo guardo e ho la debolezza di non distogliere i miei. 

Ironico, profondo, versatile, dall’intenso azzurro dei suoi occhi traspare una velata malinconia, che sembra rivelare la precarietà della vita.  «Io la morte l’ho già incontrata. Mi ha tirato una falciata, ma io mi sono abbassato, e mi ha portato via solo i capelli» racconta, riferendosi all’ictus che lo colpisce il giorno dell’uscita del suo primo romanzo Io uccido.

UN LIBRO È IL TEMPO, UN QUADRO È IL LAMPO

Uno strano scherzo del destino o cosa? Quel lampo a ciel sereno che lo colpisce alla fine della sua prima fatica letteraria. Ma lui è uno che riesce a vivere mille vite diverse, senza tirarsi mai indietro e continua a rischiare, a sperimentare, a mettersi in gioco e a vincere.

Convivo con questo oscuro personaggio che si chiama Giorgio Faletti e non so mai che cosa aspettarmi da lui.

E poi arriva il 4 luglio del 2014, e a 63 anni Giorgio Faletti ci lascia. Questa volta la falciata ha colpito in pieno lui e noi, che restiamo attoniti ancora incantati dal suo estro, dal suo fare poliedrico, dalle sue infinite possibilità di esprimere non solo un uomo ma una moltitudine di uomini, di sguardi, di sfumature, di espressioni artistiche in cui ci ha raccontato la possibilità e la capacità dell’uomo di poter attraversare infinite vite in un’unica vita.

Forse possiamo cambiarla ma è l’unica che c’è

Questa vita di stracci e sorrisi e di mezze parole

Forse cent’anni o duecento è un attimo che va

Fosse di un attimo appena

Sarebbe con me tutti vestiti di vento ad inseguirci nel sole

Tutti aggrappati ad un filo e non sappiamo dove … (Signor tenente)

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...