Perché si scrive

Penso che un autore scriva perché ha bisogno di creare un mondo in cui poter vivere. Io non potrei mai vivere in nessuno dei mondi che mi sono stati offerti: il mondo dei miei genitori, il mondo della guerra, il mondo della politica. Dovevo crearne uno tutto mio, come un luogo, una regione, un’atmosfera in cui poter respirare, regnare e ricrearmi quando ero spossata dalla vita. Questa, credo, è la ragione di ogni opera d’arte…

Pochi momenti di comunicazione con il mondo valgono la pena, perché è un mondo per altri, un’eredità per altri, un dono.

Ma scriviamo anche per accrescere la nostra consapevolezza della vita. Scriviamo per lusingare e incantare e consolare altri.

Scriviamo per fare serenata ai nostri amanti. Scriviamo per gustare la vita due volte, nell’istante presente e nel ricordo…

Scriviamo per ampliare il nostro mondo quando ci sentiamo soffocati, o limitati, o soli. Scriviamo come gli uccelli cantano, come il selvaggio danza i suoi rituali. Se nella scrittura non respiri, se non piangi, se non canti, allora non scrivere, perché la nostra cultura non contempla alcuna utilità per la scrittura. Quando non scrivo, sento che il mio mondo si restringe. È come se fossi in prigione. Sento che ho perso il mio fuoco e il mio colore. Deve essere una necessità, come il mare ha bisogno di incresparsi, e io questo lo chiamo respirare.

Anaïs Nin

25 pensieri riguardo “Perché si scrive

    1. È così per chi sente dentro quel bisogno vitale di scrivere.Ho voluto pubblicarla non solo perché è bellissima, ma perché leggendola ho pensato a me, ma anche a te e agli altri amici blogger. Quando vi leggo mi arriva…mi arriva la stessa necessità, lo stesso bisogno impellente di scrivere… Grazie Almerighi per la tua presenza e la tua testimonianza 🙂

      Piace a 1 persona

  1. … scrivere è prendere delicatamente in mano una vita, un’esistenza. Cullarla, abbracciarla e amarla. Scrivere è prendere in mano storie, episodi, fatti, un mondo anche non nostro e disegnarlo nel dettaglio sotto ogni suo aspetto: emozioni, gioie e tristezze di questo destino. Scrivere è il modo migliore di fare arte, di promuovere una giusta causa sottolineandone le bellezze che essa porta nella nostra vita. Che sia un amore, una famiglia o un figlio non importa, non importa quanto e come lo ami, l’amore non è indelebile. La scrittura sì. E la gioia, la rabbia, l’angoscia e la felicità le fa diventare indelebili anche loro…

    Piace a 2 people

  2. Stupendo scritto questo e grazie infinite a te che lo hai proposto. Personalmente scrivo infatti per stare bene, per respirare a pieni polmoni, per dare ossigeno al mio modo di vivere e di vedere le cose. Buonanotte e un sorriso per te Marilena. Lila

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...