Parlaci ancora del sogno Martin!

I have a dream!

 

Parla del sogno, Martin! Parla del sogno!”, così Mahalia Jackson, la grande cantante gospel che aveva aperto la manifestazione, urla dalla folla.

É il 28 agosto del 1963, al termine della marcia di protesta per i diritti civili e Martin Luther King ha iniziato da poco il suo discorso davanti al Lincoln Memorial di Washington.

“Ero a pochi metri di distanza e ricordo benissimo che King ha accantonato i fogli e ha preso a parlare a braccio”. Così racconta Clarence Benjamin Jones, consigliere e amico intimo di Martin Luther King ,  autore del libro Behind the Dream: The Making of the Speech that Transformed a Nation (Dietro al sogno. Come è nato il discorso che ha cambiato la nazione).

Soltanto i primi sette paragrafi del discorso erano preparati – racconta Jones – Avevamo selezionato insieme i temi e lui aveva steso il testo. Poi a un certo punto,  sembrava di essere alla messa della domenica in una di quelle “chiese gospel” nelle quali i fedeli fanno le loro osservazioni a voce alta. Da quel momento il reverendo King non ha più letto il discorso, ma lo ha usato solo come guida» racconta Raveling.

Continua a leggere “Parlaci ancora del sogno Martin!”

Annunci